Anassagora. Testimonianze e frammenti by A cura di Diego Lanza

By A cura di Diego Lanza

Show description

Read or Download Anassagora. Testimonianze e frammenti PDF

Similar italian books

Webster's Italian to English Crossword Puzzles: Level 2

Whether you don't like crossword puzzles, you'll turn out loving those. Designed for mother-tongue or thoroughly fluent audio system of Italian eager to increase their English talents, the puzzles can also be wonderful to English audio system. they're formatted in order that every one puzzle will be solved in 15 to half-hour.

Teoria dei numeri

H. Davenport: Problèmes d´empilement et de découvrement. - L. J. Mordell: Equazioni diofantee. - C. A. Rogers: The geometry of numbers. - P. Erdös: a few difficulties at the distribution of major numbers. - G. Ricci: Sul reticolo dei punti aventi in line with coordinate i numeri primi.

Fuga dalla storia? La rivoluzione russa e la rivoluzione cinese oggi

Napoli, 2012; br. , pp. 312, cm 11,5x19,5. (Diotima. Questioni di Filos. E Politica. 13). Nel 1818, in piena Restaurazione e in un momento in cui il fallimento della rivoluzione francese appariva evidente, anche coloro che inizialmente l'avevano salutata con favore prendevano le distanze dalla vicenda storica iniziata nel 1789: period stata un vergognoso tradimento di nobili ideali.

La teoria della conoscenza nel Novecento

Le difficoltà nel definire e nel conseguire los angeles verità hanno indotto non pochi filosofi a sbarazzarsi dell'idea stessa di verità, giudicandola ridondante, superflua, in definitiva inutile; tuttavia essa sembra un requisito irrinunciabile according to los angeles conoscenza, poiché, come osserva Watkins, "dire che l. a. verità non fa parte del corpo della scienza è un po' come dire che guarire non fa parte dello scopo della medicina, o che il profitto non fa parte dello scopo del commercio".

Extra resources for Anassagora. Testimonianze e frammenti

Example text

Se cioè diceste che per noi, per la nostra natura mentale legata ai sensi, l’Essere d’alcunché non si manifesta se non mediante la percezione sensibile, e a ciò soltanto che così ci si manifesta possiamo legittimamente applicare il nostro concetto di Essere. Ma chi vi autorizza a erigere ciò che è per noi a legge cosmica, a fare della nostra natura mentale il criterio assoluto dell’universo, del nostro concetto di Essere il solo concetto di Essere onninamente valevole? Chi vi autorizza a escludere che esista un Essere di natura diversa da quella dell’Essere che solo è o appare Essere per noi?

O non potrebbe darsi che la direzione del tempo dal passato all’avvenire sia tale soltanto per noi, ma che, per altri luoghi o esseri, il tempo proceda dall’avvenire al passato, l’individuo cominci con la morte e finisca nel seno della madre, tutta la storia si svolga in senso retrogrado e per di più l’avvenire, sebbene si parta da esso, resti avvenire, e il passato, sebbene a esso arrivi, resti passato? Tutto questo è manifestamente pazzesco. Quando si afferma che solo per noi vale la definizione del corpo come ciò che è esteso nello spazio e che potrebbero esistere corpi d’altra natura che non fossero estesi, o che solo per noi vale il concetto di solido come il corpo che non si può penetrare senza resistenza e che potrebbero esistere solidi d’altra natura in cui ciò non si avveri – si pronunciano affermazioni manicomiali.

A quale altro concetto si approderà? A nessun concetto, poiché i concetti sono formazioni nostre e reggono solo in quella sfera (la sfera fenomenica). A niente che è, se no sarebbe ancora Essere. «Noi togliamo (scrive Kant) dall’oggetto dell’idea le condizioni che limitano il nostro concetto intellettuale, ma che sono anche quelle le quali sole rendono possibile che noi abbiamo di una qualsiasi cosa un concetto determinato. E ora pensiamo alcunché, di cui noi circa ciò che esso in sé sia, non abbiamo alcun concetto, ma di cui tuttavia pensiamo un rapporto coll’insieme dei fenomeni, analogo a quello che i fenomeni hanno tra loro».

Download PDF sample

Rated 4.51 of 5 – based on 38 votes